Incentivi per la cogenerazione: certificati bianchi (TEE)

I certificati bianchi detti anche TEE (titoli di efficienza energetica) rappresentano un incentivo all'installazione di tecnologie e sistemi di efficienza energetica come ad es. un modulo di cogenerazione alimentato a gas metano (fonte fossile). Il GME ovvero il gestore del mercato elettrico certifica progetti di incremento di efficienza energetica. Esso verifica quindi i risparmi dell'impianto di cogenerazione rispetto ai sitemi tradizionali di produzione di energia elettrica e termica. I titoli si possono commercializzare liberamente ed il loro valore segue gli andamenti del mercato. Un certificato equivale al risparmio di una tonnellata corrispondente di petrolio detta anche tep. I TEE possono essere risparmio di energia elettrica, di gas naturale o altri combustibili.
COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO: COME ACCEDERE AI CERTIFICATI BIANCHI
Il DM del 05/09/2011 riconosce l'incentivo i certificati bianchi per la cogenerazione ad alto rendimento (CAR) per il risparmio di energia primaria.
Bisogna fare richiesta al GSE o Gestore dei servizi energetici (v. sito www.gse.it).
Le unità di cogenerazione riconosciute CAR ed entrate in esercizio a seguito di nuova costruzione o rifacimento dopo il 7 marzo 2007 godono di un periodo di incentivazione di 10 anni e 15 se sono abbinate reti di teleriscaldamento. Per quelle entrate in esercizio tra il 01/04/1999 e il 07/03/2007 sono invece 5 anni.
Annualmente l'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas fissa gli obiettivi annuali di risparmio energetico che vengono ripartiti tra i distributori di energia di maggiori dimensioni che sono obbligati a rispettare tali obiettivi.
I distributori possono realizzare direttamente interventi di miglioramento dell'efficienza energetica o possono avvalersi di società controllate o di società operanti nel settore dei servizi energetici (ESCO Energy Service Company) autorizzate dall'Autorità, oppure acquistare certificati bianchi sul mercato appositamente creato dal Gestore del Mercato Elettrico (GME) e al prezzo che si forma su tale mercato dall'incontro tra la domanda e l'offerta. La possibilità di scambiare i certificati Bianchi consente ai distributori di rispettare l'obbligo imposto dai decreti con il minor investimento economico, potendo scegliere tra realizzare direttamente l'intervento o acquistare sul mercato una quantità di Certificati Bianchi uguali a quelli che si sarebbero ottenuti con la realizzazione dell'intervento stesso.

Link utili:
www.gse.it
www.autorita.energia.it
www.mercatoelettrico.org
www.enea.it